Ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo: questo è sempre stato uno dei miei obiettivi primari con il quale misuro la mia efficienza e la mia efficacia di interventi. Si può applicare a qualsiasi settore, sia in termini di costo economico che di energia impiegata (che in fin dei conti è sempre un costo perchè incide sul fattore tempo).
Disperdere  tempo e denaro, infatti, è assolutamente controproducente: nel settore turistico questo è un problema che si affronta quotidianamente e a fine giornata ci si ritrova a pensare se tutta la fatica impiegata è servita a qualcosa e se siamo riusciti a seguire tutte quelle azioni che consentono ad una PMI turistica di crescere, migliorare, e, nel peggiore dei casi, mantenere quanto conquistato.

Ogni giorno i nostri compiti aumentano, anziché diminuire, e lo sappiamo tutti, dovremmo avere una persona da dedicare esclusivamente al web marketing, un’altra per gestire i clienti pre e e post vendita, un’altra ancora per il blog ed i social network. Impossibile! E allora come fare? Beh, aiutiamoci con i software idonei, almeno per quello che possiamo.Competitor
Tra le priorità che ho individuato in questi ultimi tempi, è riuscire ad aggiornare rapidamente e costantemente le tariffe e la disponibilità sui vari portali online con attività di benchmarking. Infatti, così come ci riporta un interessante studio di SimpleDistribution (prodotto da eRevMax) basato su dati raccolti da un campione di oltre 6000 hotel in tutto il mondo, la gestione del canale di vendita online nel triennio che va dal 2009 al 2011 ha registrato ritmi di crescita esponenziali quintuplicandone i valori. Una serie di tabelle riepilogative ci aiutano a visualizzare questi numeri:

Anno / 1° trimestre Numero aggiornamenti canale mensili
2009 9.132.888
2010 25.277.410
2011 45.918.755
Anno / 1° trimestre Contrattazioni condotte mensilmente dagli hotel 

(escluso reporting centrale)

2009 2.165.252
2010 7.674.921
2011 8.890.214

Logicamente è nelle città più grandi che si concentra il maggior numero di strutture ricettive che aggiornano i numerosi canali di vendita web, ma anche i piccoli hotel decentrati ne sentono sempre più la necessità e destinano sempre più tempo (e quindi energie) alla quotidiana revisione delle proprie tariffe e della disponibilità in base alla richiesta ed al periodo corrente.
I risultati di questi sforzi poi si vedono: SimpleDistribution riporta che negli ultimi tre anni la quantità delle contrattazioni ha registrato un aumento del 400%, contribuendo a garantire ad ogni singola struttura alberghiera che la sua offerta sia posizionata al meglio ottenendone il maggior profitto possibile.

Dotarsi quindi di uno strumento che vi supporti quotidianamente in questa fondamentale operazione è importante tanto quanto tener d’occhio costantemente i nostri competitor; questo discorso assume particolare importanza per per gli hotel che oggi come oggi non debbono più controllare le sole strutture della zona, ma quelle preferite dal loro target in senso lato, della Città, della Regione, del Paese vicino. L’abbiamo visto più volte in altri studi statistici che abbiamo analizzato insieme: la destinazione turistica finale non è vincolante, ma lo sono le tariffe in base ai servizi offerti che fanno optare per una struttura o l’altra, anche se si trovano a 1000 km di distanza.

Poter monitorare, gestire, confrontare in tempo reale i nostri prezzi rispetto a quelli delle altre strutture, gestire la disponibilità e le prenotazioni dei maggiori siti di viaggi e social network e tutto in una unica sessione, ci aiuta a mantenerci aggiornati e competitivi, di risparmiare tempo (e quindi denaro) e di potersi dedicare agli altri aspetti importantissimi che non possiamo e non dobbiamo abbandonare per mancanza di energia.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)
Diamo la priorità al benchmarking, 10.0 out of 10 based on 3 ratings